lunedì, settembre 18, 2006

Sabato, piove

Sabato, piove (prima parte)

Ciao ragazzi, è sabato, sono davanti al mio portatile, ho finito la mia giornata.
Oggi matrimonio a pranzo, quindi abbiamo iniziato presto, alle 8 eravamo in cucina.
Matrimonio sfigatissimo, se mi è concesso un commento, poca gente, sposa di cattivissimo umore, in più piove, anzi diluvia.
Infatti si è allagata pure la cucina, meno male che avevamo finito, se no immaginate che disastro.
Il vantaggio è stato che non abbiamo avuto bisogno di allagare il pavimento per lavarlo come al solito.
Come dice il sig. Kaneda, la vita è un susseguirsi di situazioni, dipende dal nostro stato vitale vederle come ostacoli od opportunità.
Sto ascoltando Lucio Battisti, "Una donna per amico" fuori continua a piovere, c'è una leggera brezza, stormiscono le fronde.
Ti penso, chissà se mi leggi e sorridi.
Sto bene, sono anni che non sto bene così.
Esco e vado a cena.
A più tardi.

Sabato piove (seconda parte)

Continua a piovere, siamo andati a cena in un posto splendido, al “Castello di Albereto” ovviamente in quel di Albereto di Montescudo.
Castello ristrutturato molto bene, sala ben apparecchiata, forse troppo ricca di francesismi, tovaglie fino al pavimento, argenteria, candele e candelabri.
I camerieri molto eleganti con questi pantaloni a kimono da aikido (sempre tu )
Io ho preso un tempura di verdura, fatto veramente bene, molto croccante, verdura fresca, colorata. Servita in appoggiata le une alle altre in modo da formare una fascina verticale, decorazione con carote fritte su carta ritagliata. A parte in un piatto giapponese erano servite una salsa ai peperoni piccante, una agrodolce e una dolce con melanzane e cioccolato ( o simile).
Ho ordinato un filetto di tonno su cannella, la presentazione meritava la vista, piatto rettangolare, due stecche di cannella, sulle quali era appoggiato il filetto di tonno scottato, sopra una julienne di finocchi saltati in padella con i pinoli. Le immancabili carote fritte, decorazione con verdure a brunoise. Cucchiaio di ristretto di mosto d’uva.
Contorno, crostini di pane con arance e peperoncino.
Ti potrei portare sai?
Il conto non è stratosferico, 43 € senza dolce, con aperitivo ed entrée.
Hanno il pieghevole di Squisito, la manifestazione di San Patrignano.
www.squisito.org
Credo che ci andremo.
Sono abbastanza stanco, domani sera si lavora, leggo un pò di Tiziano Terzani, poi nanna.
Buonanotte a voi che mi leggete.

Nessun commento: