martedì, dicembre 25, 2007

Buon natale

Ragazzi, è natale.
anche quest'anno ci tocca.
Per fortuna lavoro, abbiamo pranzo al ristorante, per uno che lo detesta cordialmente, è la soluzione migliore.
godetevi il video degli Wham!Last Christmas, esempio classico di pop music degli anni 80.






Dimenticavo....


BUON NATALE a tutti,
che per tutti voi sia Natale tutti i giorni!!!!!

Isidoro

mercoledì, dicembre 12, 2007

Il talento aiuta ad arrivare lontano..........

Il desiderio di arrivare o di essere qualcuno è la carta migliore che hai.
Senza uno scopo non si arriva molto lontano.
Tutti noi aspiriamo al successo professionale; è la quantità di successo che desideri a fare la differenza.

Vuoi contare…………..

Così così.

Abbastanza.

Molto.

Più di tutti nel tuo campo.

Più di tutti.

Il talento aiuta ad andare lontano, ma mai quanto l’ambizione.
Tutti vogliono arrivare in alto, ma non tutti sono disposti ai sacrifici necessari a diventare i numeri uno.
Per molti, invece, è più importante la simpatia, piacere agli altri. Non bisogna però dimenticare che arrivare al cuore e arrivare in alto sono due cose di pari valore, ma diverse.
La maggior parte di noi vuole scoprire il segrete del successo.
Ma non vi è alcun segreto particolare, si procede per prove ed errori.
E alla fine si arriva sempre dove si vuole arrivare.


“Paul Arden”

giovedì, dicembre 06, 2007

THE BIG KAHUNA

Goditi potere e bellezza della tua gioventù.
Non ci pensare. Il potere di bellezza e gioventù lo
capirai solo una volta appassite. Ma credimi tra
vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto. E in un
modo che non puoi immaginare adesso. Quante
possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico
avevi! Non eri per niente grasso come ti sembra-
va. Non preoccuparti del futuro. Oppure preoc-
cupati , ma sapendo che questo ti aiuta quanto ma-
sticare un chewing-gum per risolvere un'equazione
algebrica. I veri problemi della vita saranno sicu-
ramente cose che non t'erano mai passate per la
mente. Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle
quattro di un pigro martedì pomeriggio. Fa' una
cosa, ogni giorno che sei spaventato. Canta. Non
esser crudele col cuore degli altri. Non tollerare la
gente che è crudele col tuo. Lavati i denti. Non
perder tempo con l'invidia. A volte sei in testa. A
volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine è
solo con te stesso. Ricorda i complimenti che ri-
cevi, scordati gli insulti. Se ci riesci veramente
dimmi come si fa. Conserva tutte le vecchie lette-
re d'amore, butta i vecchi estratti conto. Rilassati.
Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare
della tua vita. Le persone più interessanti che co-
nosco, a ventidue anni non sapevano che fare della
loro vita. I quarantenni più interessanti che cono-
sco ancora non lo sanno. Prendi molto calcio. Sii
gentile con le tue ginocchia, quando saranno par-
tite ti mancheranno. Forse ti sposerai o forse no.
Forse avrai figli o forse no. Forse divorzierai a
quarant'anni. Forse ballerai con lei al settantacin-
quesimo anniversario di matrimonio. Comunque
vada, non congratularti troppo con te stesso, ma
non rimproverarti neanche. Le tue scelte sono
scommesse. Come quelle di chiunque altro. Go-
diti il tuo corpo. Usalo in tutti i modi che puoi.
Senza paura e senza temere quel che pensa la
gente. E' il più grande strumento che potrai mai
avere. Balla. Anche se il solo posto che hai per
farlo è il tuo soggiorno. Leggi le istruzioni, anche
se poi non le seguirai. Non leggere le riviste di
bellezza. Ti faranno solo sentire orrendo. Cerca
di conoscere i tuoi genitori. Non puoi sapere
quando se ne andranno per sempre. Tratta bene i
tuoi fratelli. Sono il migliore legame con il passato
e quelli che più probabilmente avranno cura di te
in futuro. Renditi conto che gli amici vanno e
vengono. Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno. Datti da
fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita,
perche più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone
che conoscevi da giovane. Vivi a New York per un po',
ma lasciala prima che ti indurisca. Vivi anche in California
per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca. Non fare
pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant'anni
sembreranno di un ottantacinquenne. Sii cauto
nell'accettare consigli, mal sii paziente con chi li dispensa.
I consigli sono una forma di nostalgia. Dispensarli è un
modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo,
passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più
di quel che valga. Ma accetta il consiglio... per questa
volta.




Non è forte colui che non cade mai, ma colui che cadendo si rialza.
Wolfgang Goethe

lunedì, novembre 19, 2007

I porcospini di Schopenhauer

Michelangelo Buonarroti, sosteneva di non scolpire le statue, ma semplicemente liberarle del marmo superfluo che stava intorno a loro.
Quando cucino, quando faccio qualcosa di mio, di veramente mio, partendo da una base, un’idea, uno spunto, so veramente dove voglio arrivare, immagino il gusto e la fragranza del piatto, a volte vedo persino il risultato della mia idea, così forte così vivido che ne sento il gusto in bocca, ne assaporo la consistenza. Metto amore in tutto questo, non sbaglio mai, in queste occasioni, e il risultato è pari alle mie aspettative. Recentemente ho fatto dei biscotti, per un’amica, una dolce persona meravigliosa, e mentre li preparavo per lei, sentivo tutto questo. Lei era lì in silenzio, intenta a leggere un libro arancione, ho sentito la sua anima vicino alla mia, come una comunione, senza una parola ci siamo detti di più che mille discorsi. Io impastavo la farina con le uova il burro e lo zucchero e tutto il resto, e riversavo in questo impasto il mio amore per lei. Sono un uomo libero. Accanto a me voglio una donna libera. Due persone libere da cosa si possono lasciare.?
In questa notte di pensieri, ho capito che per amare profondamente una persona, occorre innanzitutto amare profondamente se stessi, i nostri difetti, i nostri pregi, tutto quello che ci rende incredibilmente unici.

Nell'opera "Parerga e Paralipomena"(pag.396) di A.Schopenhauer si trova scritto:

"Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d'inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati. Ben presto, però, sentirono le spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l'uno dall'altro. Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell'altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali, finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione."

La cosa migliore è sviluppare un calore interno che ci consenta di stare sufficientemente lontani senza pungersi, anzi la cosa migliore è stare così bene con se stessi, quindi avere così tanto calore interno, da non avere bisgno, nel senso dellla dipendenza, di nessuno, di vivere bene anche da soli. Di avere una vita piena e ricca, da poter offrire a chi amiamo.
Senza pungerlo.

venerdì, novembre 09, 2007

In ogni cosa..........

In ogni cosa ho voglia di arrivare
sino alla sostanza.
Nel lavoro, cercando la mia strada,
nel tumulto del cuore.
Sino all'essenza dei giorni passati,
sino alla loro ragione,
sino ai motivi, sino alle radici,
sino al midollo.
Eternamente aggrappandomi al filo
dei destini, degli avvenimenti,
sentire, amare, vivere, pensare,
effettuare scoperte.

(Boris Pasternak)

La vita cambia, scorre veloce, un giorno credi, poi tutto si muove e ti ritrovi in posti che mai avresti immaginato.
In poco di un mese ho cambiato tre volte posto di lavoro, pensavo che fosse un fallimento, ma c'è del valore in ogni cosa che facciamo, ho conosciuto persone nuove, che mai avrei conosciuto, ho trovato casa e so che resterò lì per un pò di tempo.

Ho cucinato per un sacco di persone, ho diretto una cucina, mi sono assunto le mie responsabilità.

Sto diventando grande..............

domenica, ottobre 07, 2007

E di nuovo cambio casa.

E di nuovo cambio casa
di nuovo cambiano le cose
di nuovo cambio luna e quartiere
come cambia l'orizzonte, il tempo, il modo di vedere
cambio posto e chiedo scusa
ma qui non c'è nessuno come me.

"E di nuovo cambio casa" Ivano Fossati

Di nuovo cambio casa, pensavo di essermi fermato, di avere trovato la mia via, la mia casa, il posto dove stare, ma la mia vita mi porta via.
Mi sembra di essere la protagonista di "Chocolat" Vianne Rocher, interpretata da Juliette Binoche. Ma non dimentichiamo Roux lo zingaro, interpretato da un fantastico Johnny Depp. Vi regalo l'inizio del libro che ho trovato in giro nel web:

"Il martedi' grasso Vianne Rocher arriva nel piccolo villaggio di Lansquenet
con la figlia Anouk. Arriva con il vento del carnevale, in un tiepido
febbraio. L'aria profuma degli odori dei dolci di carnevale; tutto il
villaggio e' per le strade, per salutare l'ultimo giorno di festa.
Anouk, forse incantata dalle maschere, chiede alla madre di fermarsi li'.
Vianne accetta, sperando dentro di se' che quella possa essere una
scelta definitiva, dopo tanto peregrinare."
tratto da "chocolat" di J. Harris
Comunque tanto per non divagare, mi hanno proposto di fare il cuoco in ristorante di prossima apertura, un posto ricco di storia, con vicissitudini e storia.
vi confesso che è una bella sfida, che ho una fifa blu, ma so di avere le ali, di lanciarmi e volare..........
Passerò giornate intere in quella cucina, a volte maledirò la mia scelta, ma la porterò avanti con fede e tenacia.
Tanto per mantenere alto sono vicino ad un castello, in una cittadina ricca e di antiche origini. Oggi ho preso casa, con un bel terrazzo e una bella veduta.
Fuori, nel balcone a dirimpetto, una giovane donna stendeva i panni, le tende arancioni si ondeggiavano dolcemente nel vento..............
Porterò qui, le mie ricette, i miei pensieri, la voglia di esservi vicino, anche sono lontano, ma non troppo.
Sono sceso dal Monte Minobu, per restarci.

giovedì, ottobre 04, 2007

Una vita creativa

Sento di aver fatto qualcosa di creativo quando mi dedico con tutto il cuore a qualcosa e lotto senza riserve fino alla fine; così vinco una battaglia per crescere. E' questione di sudore e lacrime. la vita creativa esige uno sforzo costante per migliorare i nostri pensieri e le nostre azioni. Forse la cosa importante è il dinamismo implicito nello sforzo.
Si passa attraverso tempeste e e si possono subire sconfitte. L'essenza della vita creativa è perseverare nonostante le sconfitte e inseguire l'arcobaleno che c'è nei nostri cuori. L'indulgenza e l'indolenza non sono creative. Lamentele ed indecisioni sono da vigliacchi e corrompono la naturale tendenza alla creatività. Chi smette di lottare per la creatività si avvia verso l'inferno che ne distruggerà la vita.

Daisaku Ikeda

letto su "Il Budda, Geoff e io" Edward Canfor-Dumas

Il senso della vita

A un tale interrogativo non possiamo dare una risposta noi psichiatri. perchè il senso della vita è diverso per ognuno di noi, di giorno in giorno, di ora in ora. Ciò che conta, allora, non è il significato della vita in generale, ma piuttosto lo specifico significato di una persona in un dato momento. Fare la domanda in termini generici sarebbe come chiedere ad un campione di scacchi:"Mi dica Maestro, qual'è la migliore mossa al mondo?" Non esiste niente del genere. Non esiste la mossa migliore, o anche solo una buona mossa, al di fuori di una particolare situazione in una particolare partita, tenendo anche conto della specifica personalità dell'avversario. Lo stesso vale per l'esistenza umana. Non si dovrebbe cercare un significato astratto per la vita. Ognuno di noi ha una particolare vocazione o missione da portare avanti, un compito concreto che esige adempimento. quindi ognuno non può essere sostituito, ne la sua vita può ripetersi. Perciò il compito di ognuno è straordinario e irripetibile, quanto l'opportunità di attuarlo.
Visto che ogni situazione della vita rappresenta una sfida e un problema da risolvere, la domanda sul senso della vita può in realtà essere capovolta. In sostanza, l'uomo dovrebbe chiedersi quale sia il significato della vita, ma piuttosto capire che è a lui che vengono poste le domante. In una parola, ogni uomo alla prova dalla vita, e può rispondere alla vita solo rendendo conto della propria vita............


"Alla ricerca di un significato nella vita" di Victor Franckl
letto su "Il Budda, Geoff e io" Edward Canfor-Dumas

Paolo Coelho "Le cose che ho imparato nella vita"

-Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà.
E per questo, bisognerà che tu la perdoni.
-Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per distruggerla.
-Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici cambiano.
-Che le circostanze e l'ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.
-Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti,o essi controlleranno te.
-Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era necessario fare, affrontandone le conseguenze.
-Che la pazienza richiede molta pratica.
-Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.
-Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale quando cadrai, è invece una di quelle poche che ti aiuteranno a rialzarti.
-Che solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto se stesso.
-Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze:sarebbe una tragedia se lo credesse.
-Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno. Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.
-Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo non si ferma, aspettando che tu lo ripari.
-Forse Dio vuole che incontriamo un po' di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.
-Quando la porta della felicità si chiude, un'altra si apre, ma tante volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.
-La miglior specie d'amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti che è come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta.
- È vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.
-Ci vuole solo un minuto per offendere qualcuno, un'ora per piacergli, e un giorno per amarlo, ma ci vuole una vita per dimenticarlo.
-Non cercare le apparenze, possono ingannare.
-Non cercare la salute, anche quella può affievolirsi.
-Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia.
-Trova quello che fa sorridere il tuo cuore.
-Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca così tanto che vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni per abbracciarlo davvero!
-Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.
-Puoi avere abbastanza felicità da renderti dolce, difficoltà a sufficienza da renderti forte, dolore abbastanza da renderti umano, speranza sufficiente a renderti felice.
-Mettiti sempre nei panni degli altri. Se ti senti stretto, probabilmente anche loro si sentono così.
-Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino.
-L'amore comincia con un sorriso, cresce con un bacio e finisce con un the.
-Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e tuoi dolori.
-Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano.
Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l'unico che sorride e ognuno intorno a te piange.

QUEL CHE SEMINI, RACCOGLI

Il suo nome era Fleming ed era un povero agricoltore scozzese.

Un giorno, mentre tentava di sbarcare il lunario per la sua famiglia,
sentì un grido di aiuto arrivare da una palude vicino. Lasciò a terra
tutti i suoi attrezzi e corse verso la palude. Là, impantanato fino alla
vita nella melma scura, c’era un ragazzo terrorizzato, che urlava e si
dimenava per liberarsi. Fleming salvò il ragazzo da quella che poteva
diventare una morte lenta e terribile.

Il giorno dopo, una splendente carrozza apparse nelle campagne attorno al
podere di Fleming. Un nobiluomo elegantemente vestito scese dalla carrozza
e si presentò come il padre del ragazzo che l’agricoltore aveva salvato.

"Voglio ripagarvi," disse il nobiluomo. "voi avete salvato la vita di mio
figlio."
"No, non posso accettare un pagamento per quello che ho fatto," rispose l’agricoltore,
declinando l’offerta.

In quel momento, il figlio dell’agricoltore arrivò alla porta della povera
abitazione di famiglia. “E’ vostro figlio?” chiese il nobiluomo.
"Si," Rispose l’agricoltore con orgoglio.

"Facciamo un patto. Permettetemi di offrire a vostro figlio lo stesso
livello di educazione scolastica che può permettersi mio figlio. Se il
ragazzo assomiglia appena un pò a suo padre, non ho dubbi che diventerà un
uomo di cui entrambi saremo orgogliosi. "

E così fece.

Il figlio dell’agricoltore scozzese frequentò le migliori scuole e nel
tempo si laureò alla St. Mary's Hospital Medical School di Londra, e
continuò per poi diventare conosciuto in tutto il mondo come Sir
Alexander Fleming, colui che scoprì la penicillina.

Tanti anni dopo, lo stesso nobiluomo il cui figliolo fu salvato dalla
palude, stava morendo di polmonite. Chi salvò la sua vita stavolta?

La penicillina.

Il nome del nobiluomo? Lord Randolph Churchill.

Il nome del figlio? Sir Winston Churchill.

Qualcuno una volta disse:
"Quello che semini, raccogli."

Lavora come se non avessi bisogno del denaro.
Ama come se non fossi mai stato ferito.
Balla come se nessuno ti stesse guardando.
Canta come se nessuno stesse ascoltando.
Vivi come se vivessi nel Paradiso in terra...

giovedì, settembre 27, 2007

Una grande rivoluzione

«Una grande rivoluzione nel carattere di una sola persona permetterà di realizzare un cambiamento nel destino di una nazione, e condurrà infine a un cambiamento nel destino di tutta l'umanità».

Daisaku Ikeda

letta nel libro "Il Budda, Geoff e io" di Edward Canfor-Dumas

martedì, settembre 25, 2007

io sono sveglio

« Il bramino Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brâhmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brâhmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– E allora, che cosa sei?
– Io sono sveglio. »

(Anguttara Nikaya)

domenica, settembre 16, 2007

lunedì, settembre 10, 2007

tutte le cose.......

Tutte le cose, anche le meno interessanti, o le più brutte, hanno un lato piacevole. Bisogna solo volerlo vedere.
Herman Hesse

Big Luciano


ti sento

Ti sento nell'aria che è cambiata
che anticipa l'estate
e che mi strina un po'
io ti sento passarmi nella schiena
la vita non è in rima
per quello che ne so
ti sento nel mezzo di una strofa
di un pezzo che era loffio
e adesso non lo è più
io ti sento lo stomaco si chiude
il resto se la ride appena ridi tu

qui con la vita non si può mai dire
arrivi quando sembri andata via
ti sento dentro tutte le canzoni
in un posto dentro che so io

ti sento
e parlo di profumo
t'infili in un pensiero
e non lo molli mai
io ti sento
al punto che disturbi
al punto che è gia tardi
rimani quanto vuoi
qui con la vita non si può mai dire
arrivi quando sembri andata via
ti sento dentro tutte le canzoni
In un posto dentro che so sempre io oh oho oh oh

io ti sento c'ho il sole dritto in faccia
e sotto la mia buccia
che cosa mi farai

(Luciano Ligabue)

domenica, settembre 09, 2007

9 settembre...........

Oggi, un anno fa ho iniziato un percorso, un cammino che oggi mi ha portato sino qui.
Ho conosciuto tante persone, qualcuna fantastica, altre splendide, altre con i loro problemi, e come dice vasco rossi non tradiscono gli uomini, ma i loro guai.....
Qualcuno è uscito, oppure semplicemente ha preso una strada diversa dalla mia, chissà se i nostri cammini s'incontreranno di nuovo.........
in questi giorni, pensando a queste cose, mi sono reso conto che facendo delle scelte, ovvero mettendo delle cause, si ottengono degli effetti.
Causa ed effetto.

ora sono qui, lotto, vinco, lotto ancora.

Diciamo che son in un periodo di lotta.

Lotta dura senza paura............

C'è un samurai dentro di me.
Lo sono stato in una vita passata.................

ne riparleremo.

Buonanotte

martedì, settembre 04, 2007

Donne.............





Now playing: Jarabe de Palo - Te miro y tiemblo
via FoxyTunes

Mi sono seduto nella sala d'attesa. C'era una ragazza che sfogliava senza interesse una rivista. Mi piace stare in una stanza con una donna. Anche quando prendo il treno, se entro in uno scompartimento e ci trovo una donna sono più contento. E se non c'è continuo a cercare finché la trovo. Non è che poi le rivolgo la parola, o ci parlo, o ci provo per forza, anzi, ma mi piace che sia lì. Mi piace la loro compagnia anche se silenziosa e sconosciuta. Le donne sono belle da respirare.

(Fabio Volo)

lunedì, settembre 03, 2007

The Eagles-Hotel California

E' una notte tranquilla al castello, oggi è un'anno che ho deciso di cambiare vita.
Di scendere e proseguire con le mie gambe. Vi confesso che ho lottato, ho creduto, anzi ho avuto fede. la lotta è dura, ma non demordo.
Ci sono i giorno in cui va tutto bene, altri in cui lotto.

Ma va bene così.

Godetevi Hotel California e se volete il testo tradotto eccolo:







domenica, settembre 02, 2007

ognun vede....

Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei.

Niccolò Machiavelli


giovedì, agosto 30, 2007

Blade Runner The Final Cut 25th Anniversary Collection Edition


eccolo finalmente esce, il 18 dicembre, così se non sapete che regalo farmi....
ovviamente la versione a 5 dvd, dove sono raccolte tutte le versione pubblicate sino ad ora.






Sito ufficiale, info e materiale scaricabile

Fan site italiano pregno di chicche, info e news

Scodellata di curiosità by imdb

Annunciata per il 18 dicembre 2007 l'uscita sia nelle sale (anche in italia?) sia in DVD della tanto attesa Final Cut Edition.

Le versioni in DVD sono 3 (escluse quelle in HD):

- Blade Runner: 2-Disc The Final Cut Special Edition (14.95$)
- Blade Runner: 4-Disc Collector's Edition (26,95$)
- Blade Runner: 5-Disc Ultimate Collector's Edition (vedi foto sotto) (79,95$)



Il contenuto dei dischi e' il seguente:

Disco 1

2007 "Final Cut Edition": restaurata, rimasterizzata, scene estese, nuove scene aggiuntive, nuovi dialoghi aggiuntivi, nuovi e rinnovati effetti speciali, audio 5.1 Dolby Digital.

Include inoltre:
- il commento di Ridley Scott (Regista)
- il commento di Hampton Fancher (Produttore Esecutivo,/Co-Sceneggiatore) Devid Webb Peoples (Co-sceneggiatore), Michael Deeley (Produttore), Katherine Haber (Produzione Esecutiva)
- il commento di Syd Meed, Lawrence G. Pauli, David L. Snyder, Douglas Trumbull, Richard Yuricich, David Dryer.



Disco 2


Documentario "Dangerout Days: Making Blade Runner"



Disco 3

1982 "Theatrical Version": La versione U.S. con la narrazione fuori campo all'inizio e l'happy end con la fuga.

1982 "International Version": Contiene alcune scene di azione estese. E' anche la versione home video U.S. fino al 1992.

1992 "Director's Cut": Via la voce fuori campo, via l'happy end con la fuga, dentro la scena del sogno dell'unicorno che introduce la possibilita' che Rick sia esso stesso un replicante.



Disco 4

Disco bonus - "Enhancement Archive"



Disco 5

"Workprint Version": Scena di apertura modificata, nessuna narrazione di Deckard fino alle scene finali, niente scena dell'unicorno, niente happy end con la fuga, diverso dialogo tra Roy e Tyrell, musiche diverse e molto altro.

Include inoltre:
- il commento di Paul M.Sammons (autore di "Future Noir: The Making of Blade Runner")
- "Featurette All Our Variant Futures: From Workprint to Final Cut"





mercoledì, agosto 29, 2007

Desidero che comprendiate il sottile funzionamento della mente. Il modo in cui orientate il vostro pensiero, il tipo di atteggiamento che assumete, influenzano sia voi sia il vostro ambiente. Il principio buddista per cui un singolo istante di vita racchiude tremila regni spiega con chiarezza il vero aspetto dell'esistenza. Attraverso il potere di una forte determinazione interiore possiamo trasformare non solo noi stessi ma anche gli altri e l'ambiente in cui viviamo.

Daisaku Ikeda

lunedì, agosto 27, 2007

E' meglio......

E' meglio essere ottimisti ed avere torto piuttosto che pessimisti ed avere ragione.

Albert Einstein

venerdì, agosto 24, 2007

Torta Caprese con le mandorle

Ingredienti

400 g di mandorle pelate
6 uova
250 g di zucchero
250 di cioccolato fondente
250 g di burro
liquore q.b. (facoltativo)

Tritate le mandorle grossolanamente.
Tritate anche il cioccolato , meglio se usate un trinciante (coltello), in modo da ottenere delle scaglie.
Ammorbidite il burro.

Montate i tuorli con lo zucchero.
Montate gli albumi a neve fermissima.

Incorporate le mandorle, il cioccolato, il burro, i tuorli montati, il liquore (poco)
mescolate il tutto in modo da ottenere un composto omogeneo, ed alla fine aggiungete gli albumi.

Versate il composto in una tortiera imburrata ed infarinata oppure con la carta da forno.

fate cuocere in forno ventilato a 160° C circa 45 minuti.

per vedere se è cotta vale sempre il vecchi e valido sistema dello stuzzicadenti.

Ciao!!!!

D. eccoti la ricetta come promesso......... :-)

giovedì, agosto 16, 2007

E di nuovo cambio casa

E di nuovo cambio casa
di nuovo cambiano le cose
di nuovo cambio luna e quartiere
come cambia l'orizzonte, il tempo, il modo di vedere
cambio posto e chiedo scusa
ma qui non c'è nessuno come me.

E stasera sera do a lavare
il mio vestito per l'amore
cambio donna e cambio umore stasera
e stasera voglio uscire
che mi facciano parlare
voglio ridere e voglio bere
io stasera cambio amore
è tutto qui.

Ma sapere dove andare
è come sapere cosa dire
come sapere dove mettere le mani
e io non so nemmeno se ho capito
quando t'ho perduta
qui fioriscono le rose
ma dentro casa è inverno e fuori no.

E vendo casa per un motore
la soluzione è la migliore
un motore certamente può tirare
la mia fantasia un po' danneggiata
e da troppo parcheggiata
e poi cambiare casa
come cambiano le cose così.

E gira, gira e gira, gira
si torna ancora in primavera
e mi trova che non ho concluso niente
io l'amore l'avevo in mente
ma ho conosciuto solo gente
e posso solo andare avanti
fintanto che nessuno è come me.

E gira, gira e gira, gira
si torna ancora in primavera
e scopro che non ho capito niente
e allora io stasera do a lavare
il mio vestito per l'amore
cambio donna e cambio umore
cambio numero e quartiere
fintanto che nessuno è come me.

(Ivano Fossati) - la mia banda suona il rock - 1979 (grande annata :-))

martedì, agosto 14, 2007

Stairway To Heaven



There's a lady who's sure all that glitters is gold
And she's buying a stairway to heaven.
When she gets there she knows, if the stores are all closed
With a word she can get what she came for.
Ooh, ooh, and she's buying a stairway to heaven.

There's a sign on the wall but she wants to be sure
'Cause you know sometimes words have two meanings.
In a tree by the brook, there's a songbird who sings,
Sometimes all of our thoughts are misgiven.
Ooh, it makes me wonder,
Ooh, it makes me wonder.

There's a feeling I get when I look to the west,
And my spirit is crying for leaving.
In my thoughts I have seen rings of smoke through the trees,
And the voices of those who standing looking.
Ooh, it makes me wonder,
Ooh, it really makes me wonder.

And it's whispered that soon if we all call the tune
Then the piper will lead us to reason.
And a new day will dawn for those who stand long
And the forests will echo with laughter.

If there's a bustle in your hedgerow, don't be alarmed now,
It's just a spring clean for the May queen.
Yes, there are two paths you can go by, but in the long run
There's still time to change the road you're on.
And it makes me wonder.

Your head is humming and it won't go, in case you don't know,
The piper's calling you to join him,
Dear lady, can you hear the wind blow, and did you know
Your stairway lies on the whispering wind.

And as we wind on down the road
Our shadows taller than our soul.
There walks a lady we all know
Who shines white light and wants to show
How everything still turns to gold.
And if you listen very hard
The tune will come to you at last.
When all are one and one is all
To be a rock and not to roll.

And she's buying a stairway to heaven.

domenica, agosto 12, 2007

Si impara a resistere perché a non resistere, si mette il mondo nelle loro mani...

Si impara a resistere perché a non resistere
si mette il mondo nelle loro mani
e loro sono meno di
zero.

resistere significa semplicemente tirare fuori i coglioni
e meno sono le chance
più dolce è la
vittoria.

si dice che si deve lottare per la propria
libertà.
questo lo so.
solo che non ho lottato contro i giapponesi, gli italiani, i tedeschi
né i russi
per la mia libertà.
ho lottato contro gli americani: i genitori, i cortili di scuola,
i capi, le donne di strada, gli amici, il sistema stesso.

non c’è fine, è ovvio, alla lotta.
nuove avversità arrivano come un treno in orario.
forse non sarà più il mattino del doposbronza né
la catena di montaggio in fabbrica
ma la perfidia, l’inganno e la falsa speranza li
sostituiscono.
credo che siamo sotto esame anche mentre
dormiamo, e spesso diventa tutto così letale
che possiamo solo esorcizzarlo a risate.

per resistere ci vuole un po’ di fortuna, un po’ di sapienza
e un ragionevole senso dell’umorismo
perché chi ha freddo ha ancora più freddo,
chi è forte è ancora più forte,
chi era coraggioso è meno coraggioso e
noi possiamo soltanto
meditare sul fatto che
l’elefante se ne sta silenzioso nella foresta in attesa di morire,
che gli uomini falliscono ripetutamente ripetutamente
ripetutamente,
che il prete dimentica le preghiere,
che l’amore può trasformarsi in follia,
o che la pioggia fredda infradicia la tomba
di Mozart.
è alla faccia di queste
e di così tante altre cose che
alla fine si impara a
resistere.


Charles Bukowski

La verità, vi prego, sull'amore

Dicono alcuni che amore è un bambino,
e alcuni che è un uccello,
alcuni che manda avanti il mondo,
e alcuni che è un'assurdità,
e quando ho domandato al mio vicino,
che aveva tutta l'aria di sapere,
sua moglie si è seccata e ha detto che
non era il caso, no.

Assomiglia a una coppia di pigiami,
o al salame dove non c'è da bere?
Per l'odore può ricordare i lama,
o avrà un profumo consolante?
E' pungente a toccarlo, come un pruno,
o lieve come morbido piumino?
E' tagliente o ben liscio lungo gli orli?
La verità, vi prego, sull'amore.

I manuali di storia ce ne parlano
in qualche noticina misteriosa,
ma è un argomento assai comune
a bordo delle navi da crociera;
ho trovato che vi si accenna nelle
cronache dei suicidi,
e l'ho visto persino scribacchiato
sul retro degli orari ferroviari.

Ha il latrato di un alsaziano a dieta
o il bum-bum di una banda militare?
Si può farne una buona imitazione
su una sega o uno Steinway da concerto?
Quando canta alle feste, è un finimondo?
Apprezzerà soltanto roba classica?
Smetterà se si vuole un po' di pace?
La verità, vi prego, sull'amore.

Sono andato a guardare nel bersò;
lì non c'era mai stato;
ho esplorato il Tamigi a Maidenhead,
e poi l'aria balsamica di Brighton.
Non so che cosa mi cantasse il merlo,
o che cosa il dicesse il tulipano,
ma non era nascosto nel pollaio,
e non era nemmeno sotto il letto.

Sa fare delle smorfie straordinarie?
Sull'altalena soffre di vertigini?
Passerà tutto il suo tempo alle corse,
o strimpellando corde sbrindellate?
Avrà idee personali sul denaro?
E' un buon patriota o mica tanto?
Ne racconta di allegre, anche se spinte?
La verità, vi prego, sull'amore.

Quando viene, verrà senza avvisare,
proprio mentre mi sto frugando il naso?
Busserà la mattina alla mia porta,
o là sul bus mi pesterà un piede?
Accadrà come quando cambia il tempo?
Sarà cortese o spiccio il suo saluto?
Darà una svolta a tutta la mia vita?
La verità, vi prego, sull'amore.

Wystan Hug Auden



La prudenza e l'amore non sono fatti l'una per l'altro; via via che cresce l'amore, la prudenza diminuisce.

François de La Rochefoucauld


A chi ama e a chi è amato, in questa notte di sogni, di baci non dati, amori lontani..........

martedì, agosto 07, 2007

Queen- Somebody to Love

Can anybody find be somebody to love?
Each morning I get up I die a little
Can barely stand on my feet
(Take a look at yourself)Take a look in the mirror and cry
Lord what you're doing to me
I have to spend all my years in believing you
But I just can't get no relief Lord
Somebody (somebody) ooh somebody (somebody)
Can anybody find me somebody to love?

I work hard (he works hard) everyday of my life
I work till I ache my bones
At the end (at the end of the day)
I take home my hard earned pay all on my own
I get down (down) on my knees (knees)
And I start to pray (praise the Lord)
'Til the tears run down from my eyes
Lord somebody (somebody) ooh somebody (please)
Can anybody find me somebody to love?

(He wants help)
Every day - I try and I try and I try -
But everybody wants to put me down
They say I'm goin' crazy
They say I got a lot of water in my brain
Got no common sense
(He's)I got nobody left to believe
Yeah - yeah yeah yeah

Ooh
Somebody (somebody)
Can anybody find me somebody to love?
(Anybody find me someone to love)

Got no feel I got no rhythm
I just keep losing my beat (you just keep losing and losing)
I'm OK I'm alright (he's alright)
I ain't gonna face no defeat
I just gotta get out of this prison cell
One day I'm gonna be free Lord

Find me somebody to love find me somebody to love
Find me somebody to love find me somebody to love
Find me somebody to love find me somebody to love
Find me somebody to love find me somebody to love
Find me somebody to love find me somebody to love
Somebody somebody somebody somebody somebody
Find me somebody find me somebody to love
Can anybody find me somebody to love
Find me somebody to love
Find me somebody to love
Find me somebody to love
Find me find me find me
Find me somebody to love
Somebody to love
Find me somebody to love...

Freddie Mercury - The Great Pretender

Il più grande tra tutti i grandi................

lunedì, agosto 06, 2007

baciano le donne

Sai che quando t'innamori non c'è mai una scusa
Quando t'innamori il tuo sguardo pesa e quindi…
Quando t' innamori in fondo tutto il resto è…

Certe sere certe donne da scordare o…
Però la musica la musica stasera ti fa stare bene E sei lontano e non ti guarda neanche chi vorrebbe e quindi..
E subito l' amore ha sete e vuole bere
E' sabato domani tornerai a pensare e ..
Donne…baciano le donne
BACIA….baciano le donne
NO-LE….baciano le donne
DONNE…baciano le donne
Sai che a volte t'innamori anche di tre persone
Si che t'innamori ma poi non ricordi il nome
La fortuna è un alibi di chi non sa tenere duro
La fortuna aiuta i forti dentro e gli altri…
E subito l' amore ha sete e vuole bere
E' sabato domani tornerai a pensare e ..
Donne…baciano le donne
BACIA….baciano le donne
NO-LE….baciano le donne
DONNE…baciano le donne
Però la musica la musica, stasera ti fa stare bene
E' sabato e non ti importa
Di ciò che il mondo dica e quindi
Certe sere le fortune…
BACIANO LE DONNE Anche senza commentare…
BACIANO LE DONNE Certe sere anche le stelle…
BACIANO LE DONNE Certe sere anche le donne…
BACIANO LE DONNE
Quando il tuo amore beve
Tutto il resto intorno è lieve
Tutto il resto intorno è assente
Tutto il resto resta ambiente
Però se molti anni indietro non giudicava Gesù
Dimmi perché adesso vuoi giudicarmi tu?
E subito l' amore ha sete e vuole bere
E' sabato domani tornerai a pensare e ..
Donne…baciano le donne
BACIA….baciano le donne
NO-LE….baciano le donne
DONNE…baciano le donne

(tiziano ferro - nessuno è solo)

mercoledì, agosto 01, 2007

prendila così

PRENDILA COSI
Lucio Battisti (Italy)


Prendila così, non possiamo farne un
dramma

conoscevi già mi hai detto,
i problemi miei di donna
certo che lo so, certo che lo so
non ti preoccupare, tanto avrò da
lavorare

forse è tardi e rincasare vuoi.

No che non vorrei, io sto bene in questo
posto.

No che non vorrei, questa sera è
ancora presto.

Ma che sciocca sei, ma che sciocca
sei.

A parlar di rughe, a parlar di vecchie
streghe,

meno bella certo non sarai!

E siccome è facile incontrarsi, anche
in una grande città

e tu sai che io potrei purtroppo,
non esser più solo,

cerca di evitare tutti i posti che
frequento

e che conosci anche tu,
nasce l'esigenza di sfuggirsi, per
non ferirsi di più.


Lasciami giù qui, è la solita
prudenza,

loro senza me, mi hai detto è un
problema di coscienza.

Certo che lo so, certo che lo so,
non ti preoccupare, tanto avrò da
lavorare,

forse e' tardi e rincasare vuoi.

No che non vorrei, io sto bene in
questo posto

No che non vorrei, dopo corro
e faccio presto.....

"questo post me lo ha segnalato P.
dedicato a M.
pensando a N."

Chi sa, sa. Chi non sa, non ha bisogno di sapere...........



martedì, luglio 31, 2007

Aerosmith - I Don't Wanna Miss a Thing

Artista: Aerosmith
Titolo: I Don't Wanna Miss A Thing
Titolo Tradotto: Non Voglio Perdermi Niente
Tradotto Da: kiocciolina

Potrei rimanere sveglio solo per sentirti respirare
vederti sorridere mentre dormi
Mentre sei lontana a sognante
Potrei trascorrere la mia vita in questa dolce resa
Potrei rimanere perso in questo momento per sempre
Ogni attimo trascorso con te
E' un attimo che serbo caro

Non voglio chiudere gli occhi
Non mi voglio addormentare
Perche mi mancheresti, baby
E non mi voglio perdere niente
Perche persino quando ti sogno
II sogno piu bello non basterebbe
Mi mancheresti ancora, baby
E non mi voglio perdere niente

Steso vicino a te
Mentre sento il battere del tuo cuore
E mi chiedo cosa staff sognando
Mi chiedo se è me che vedi
Poi ti bacio gli occhi a ringrazio Dio che siamo insieme
voglio stare con te
In quest'attimo per sempre, per sempre


Non voglio chiudere gli occhi
Non mi voglio addormentare
Perche mi mancheresti, baby
E non mi voglio perdere niente
Non mi voglio perdere neanche un sorriso
Non mi voglio perdere neanche un bacio
voglio stare con te
Qui con te, cosi
Ti voglio tenere stretta
Sentire il tuo cuore vicino al mio
E rimanere qui in questo momento
Per sempre


Non voglio chiudere gli occhi
Non mi voglio addormentare, si
Non mi voglio perdere niente

Chemical Trip

Chemical Brothers ft Richard Ashcroft - The Test

lunedì, luglio 30, 2007

Harley Davidson




Questa moto sarà mia, una
Harley Davidson Softail fxst 2003
l'ho vista ieri sera e me ne sono innamorato.
Avrete mie notizie.

Deliri notturni

E' un mondo difficile
e vita intensa
felicita' a momenti
e futuro incerto
il fuoco e l'acqua
con certa calma
serata di vento
e nostra piccola vita
e nostro grande cuore





ME CAGO EN EL AMOR - Tonino Carotone




GUANTANAMERA - Banda Bassotti




Oltre il delirio Guantanamera by Kerozin


Noir Desir

[via FoxyTunes / Noir Désir]

Lampo Viaggiatore


Ivano Fossati >
Lampo Viaggiatore (2003) >
Il Bacio Sulla Bocca



Bella,
che ci importa del mondo
verremo perdonati te lo dico io
da un bacio sulla bocca un giorno o l'altro.

Ti sembra tutto visto tutto già fatto
tutto quell'avvenire già avvenuto
scritto, corretto e interpretato
da altri meglio che da te.

Bella,
non ho mica vent'anni
ne ho molti di meno
e questo vuol dire (capirai)
responsabilità
perciò…

Volami addosso se questo è un valzer
volami addosso qualunque cosa sia
abbraccia la mia giacca sotto il glicine
e fammi correre
inciampa piuttosto che tacere
e domanda piuttosto che aspettare.

Stancami
e parlami
abbracciami
guarda dietro le mie spalle
poi racconta
e spiegami
tutto questo tempo nuovo
che arriva con te.

Mi vedi pulito pettinato
ho proprio l'aria di un campo rifiorito
e tu sei il genio scaltro della bellezza
che il tempo non sfiora
ah, eccolo il quadro dei due vecchi pazzi
sul ciglio del prato di cicale
con l'orchestra che suona fili d'erba
e fisarmoniche
(ti dico).

Bella,
che ci importa del mondo.

Stancami
e parlami
abbracciami
fruga dentro le mie tasche
poi perdonami
sorridi
guarda questo tempo
che arriva con te
guarda quanto tempo
arriva con te.



sabato, luglio 28, 2007

Memento Audere Semper

Memento Audere Semper (Ricordati di Osare Sempre).

Gabriele D'Annunzio


Questa la dedico a me ed a tutti i timidi come me.

Sento ridere, laggiù in fondo.

E' assolutamente vero.

lo so che non ci credete, ma così è

t.v.b.

Caldo

Oggi in cucina un caldo clamoroso, con quattro fuochi accesi, la piastra per grigliare le bistecche, un forno acceso, nonostante un cappa aspirante al massimo, c'era da sudare.
il lavoro non manca al castello, il panorama è fantastico, il clima ventilato, nonostante il caldo infernale.
Finalmente giunge la sera, tutti gli ospiti del castello sono passati, una fresca brezza si diffonde, ho in cuffia "Beautiful South - Les Yeux Ouverts" dalla colonna sonora di "the devil wears Prada"

Cosa c'è di più rinfrescante di ghiacciaio, in Patagonia?






La foto è pubblicata su wikipedia.

ciao...............

mercoledì, luglio 25, 2007

la verità

“La verità è simile a Dio: non si rivela direttamente;

dobbiamo indovinarla dalle sue manifestazioni”.

Johann Wolfgang Goethe

NASA - A Bubble Bursts



A Bubble Bursts

RCW 79

RCW 79 is seen in the southern Milky Way, 17,200 light-years from Earth in the constellation Centaurus. The bubble is 70-light years in diameter, and probably took about one million years to form from the radiation and winds of hot young stars.

The balloon of gas and dust is an example of stimulated star formation. Such stars are born when the hot bubble expands into the interstellar gas and dust around it. RCW 79 has spawned at least two groups of new stars along the edge of the large bubble. Some are visible inside the small bubble in the lower left corner. Another group of baby stars appears near the opening at"


Le stelle nascono e muoiono nell'universo, è affascinante immaginare che, per quante vite possiamo vivere, non raggiungeremo la durata di una di loro.

Un buco nel cuore.........................

(R. Cocciante - Mogol)

Io senza di te
Io senza di te
Uno scherzo non e'
Mi ritrovo cosi'
Con un buco nel cuore
Senza voglia di andare
E nemmeno di stare
Con l'odore del mare
Dentro il naso
E piu' in giu'
Nelle pieghe dell'anima
Che ricorda e fa male
Dio, com'era amaro il sale

Mi ritrovo cosi'
Senza ali ne' mani
Pero' ancora non vinto
Aspettando domani
Qualcosa, un evento,
Un incontro, qualcuno

No, non si puo' vivere
Senza mai nessuno che
Ti prenda in giro dolcemente
La padrona prepotente
Nella mente che si siede
Dentro al cuore e dirige
Un'orchestra sempre in festa
Sempre in festa
Una festa con te
Con le luci e la gente
Io felice di niente
Il ricordo fa male
Dio, com'era amaro il sapore del sale per me

Io senza di te
Io senza di te
Uno scherzo non e'
E mi ritrovo cosi'
Con un buco nel cuore
Senza ali ne' mani
Pero' ancora non vinto
Dio, com'era amaro il sale
Senza di te
Io senza di te
Uno scherzo non e'
Io senza di te
Dio, com'era amaro il sapore del sale per me

lunedì, luglio 23, 2007

one

Is it getting better?
Or do you feel the same?
Will it make it easier on you now?
You got someone to blame
You say

One love
One life
When it's one need
In the night
One love
We get to share it
Leaves you baby if you
Don't care for it

Did I disappoint you?
Or leave a bad taste in your mouth?
You act like you never had love
And you want me to go without
Well it's

Too late
Tonight
To drag the past out into the light
We're one, but we're not the same
We get to
Carry each other
Carry each other
One

Have you come here for forgiveness?
Have you come to raise the dead?
Have you come here to play Jesus?
To the lepers in your head

Did I ask too much?
More than a lot.
You gave me nothing,
Now it's all I got
We're one
But we're not the same
Well we
Hurt each other
Then we do it again
You say
Love is a temple
Love a higher law
Love is a temple
Love the higher law
You ask me to enter
But then you make me crawl
And I can't be holding on
To what you got
When all you got is hurt

One love
One blood
One life
You got to do what you should
One life
With each other
Sisters
Brothers
One life
But we're not the same
We get to
Carry each other
Carry each other

One
One





Eccovi il video. :-)


Testo della canzone
(traduzione italiana per chi non sa l'inglese)

Uno

Ti senti meglio
o non sei migliorata
diventerà più facile per te
ora che hai qualcuno da biasimare

Tu dici
un amore
una vita
quando è solo un bisogno
nella notte
é un amore
che dobbiamo condividere
che ti lascia
se tu non te ne preoccupi

Ti ho deluso?
o ti è rimasto l'amaro in bocca?
ti comporti come se non fossi mai stata amata
e vuoi che io ne faccia a meno
bene, è troppo tardi
questa notte
per tirare in ballo il passato
per portarlo alla luce
noi siamo uno
ma non siamo gli stessi
dobbiamo sostenerci a vicenda

Sei venuta a chiedere perdono?
sei venuta a riportare in vita ciò che è morto?
sei venuta qui per comportarti come Gesù?
verso i lebbrosi che pensi di avere nella tua testa?

Chiedo troppo?
più di quanto sia dovuto?
tu mi hai dato niente
ed ora è tutto ciò che ho
noi siamo uno
ma non siamo gli stessi
ci feriamo a vicenda
e poi lo rifacciamo ancora

Tu dici
l'amore è un tempio
l'amore è la più nobile delle leggi
mi hai chiesto di avvicinarmi
ma poi mi hai fatto strisciare
ed io non posso continuare a sopportare
il modo in cui ti comporti
se l'unico modo che conosci è ferire

Un amore
un solo sangue
una vita
devi fare ciò che devi
una vita
insieme
sorelle
fratelli...

sabato, luglio 21, 2007

genio e follia

Genio e follia hanno qualcosa in comune:
entrambi vivono in un mondo diverso da quello che esiste per gli altri.

Arthur Schopenhauer

venerdì, luglio 20, 2007

Madonna "Hey You" (Official Live Earth Video)

Madonna

[via FoxyTunes / Madonna]



"Gli dei suonano tamburi celesti,
creando un incessante sinfonia di suoni,
boccioli di mandarava piovono dal cielo,
posandosi sul Budda e sulla moltitudine."

Sutra del Loto Cap. XVI "Juryo"

venerdì, luglio 13, 2007

“E ti vengo a cercare”

E ti vengo a cercare
anche solo per vederti o parlare
perché ho bisogno della tua presenza
per capire meglio la mia essenza.
Questo sentimento popolare
nasce da meccaniche divine
un rapimento mistico e sensuale
mi imprigiona a te.
Dovrei cambiare l'oggetto dei miei desideri
non accontentarmi di piccole gioie quotidiane
fare come un eremita
che rinuncia a sé.
E ti vengo a cercare
con la scusa di doverti parlare
perché mi piace ciò che pensi e che dici
perché in te vedo le mie radici.
Questo secolo ormai alla fine
saturo di parassiti senza dignità
mi spinge solo ad essere migliore
con più volontà.
Emanciparmi dall'incubo delle passioni
cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male
essere un'immagine divina
di questa realtà.
E ti vengo a cercare
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza.

Franco Battiato
Album: Fisiognomica

giovedì, luglio 12, 2007

Dieci deterrenti per un secondo appuntamento con lei

1. Musica Uno (The Kind of Blue scenario)
Arriva per la cena che le stai preparando. Dallo stereo Davis attacca l’assolo di All Blues.
Lei: “Carina questa musica,” (tu pensi: -Carina???-, tra l’incredulo e l’inorridito) “..maaaa... che cosa sarebbe?”
Tu, con pazienza, disponibile, ma decisamente limitata, perchè già non l’ha riconosciuto subito: “E’ Kind of Blue, di Miles Davis”
Lei: “Ah, è quel nero col pizzetto e il cappello di lana, vero? Quello del singolo con Sting..”
Dumped.

2. Lifestyle 1. Auto
Siete in auto. Autostrada. Vi supera una Vanquish.
Lei: “Hey, hai visto quella Ferrari...a quanto andava? 150?”
Tu, ti fermi e la fai scendere: “Era un’Aston Martin. A 190. Tu vai a piedi, grazie.”
Discarded.

3. The Man
Al cinema. Finisce il teaser di Casinò Royale.
Lei: “Dio, adoro James Bond.”
Tu: “Sul serio? E chi ti piaceva di più, nel ruolo?”
Lei: “Ah, senz’altro Timothy Dalton. Era così carino in Licenza di uccidere, con lo smoking bianco.”
Tu, alzandoti e andandotene: “Era Connery, ed era Goldfinger.”
Zapped.

4. Musica Due (The Herbie Hancock situation)
Arriva per la cena che le stai preparando. Dallo stereo Hancock attacca Cantaloupe Island (da Empyrean Isles).
Lei: “Carina questa musica,” (tu pensi: -Carina???-, tra l’incredulo e l’inorridito) “..maaa...aspetta, non rifà quel pezzo di quel gruppo...come si chiamavano...USA 3??”
Tu: “US3, vorrai dire.”
Lei: “Sì, quelli...ma dai, che sfacciato questo qui...è pari uguale...”
Tu: “E’ questa l’originale." E aprendole la porta: “Arriva un tram, affrettati. Lascia pure il gelato, grazie.”
Zonked.

4. Letture
Al ristorante.
Tu: “E, dimmi, qual è il tuo libro preferito?”
Lei: “Ah, Siddharta, su tutti. Ma ho adoraaato Non Ti Muovere.”
Downed.

5. Lifestyle 2. Orologi
Davanti ad una vetrina.
Lei: “Guarda quello. Ho sempre desiderato un Rolex.”
Tu, lievemente condiscendente: “Sì, bellini, ma un po’ inflazionati, non trovi?”
Lei: “Sono stupendi, guarda quello col cinturino d’oro.” Ne indica uno. “E’ un Daytona, vero?”
Tu, moolto più condiscendente: “No, è un Submariner, e anche un po’ tamarro. Non trovi sia più bello l’Omega Seamaster?”
Lei: “Quello che sembra un Breil, no?”
Scrapped.

6. Cinema
Lei, sfogliando il giornale: “Ti andrebbe un cinema?”
Tu, resistendo all’impulso di rispondere ‘Preferisco un teatro-tenda, ma alla vaniglia’: “Ah, e che film vorresti vedere?”
Lei: “Mah, non so...qui vicino c’è una rassegna...c’e scritto Blade Runner. E’ un giallo?”
Shot.

7. Serie
Lei, davanti alla TV: “Ah, io non capisco che cosa ci trovi la gente in questa cavolata, ecco!”
Tu, sbattendo gli occhi per vedere meglio: “Scusa...che cavolata?”
Lei: “Ma sì...questo LOST!”
Ditched.

8. Bambini
Lei, sulla panchina al parco, mentre le stai facendo il Trattamento Guy: “A te piacciono i bambini?”
Tu, sincero (ma fermi le mani): “Sì. Un tempo non tanto. Ma da qualche anno sì.”
Lei: “Bene, perchè io ne voglio 4. E voglio portarli in giro su un SUV.”
Wasted.

9. Cani
Al parco. Le hai appena finito il Trattamento Guy.
Tu, allungando una mano ad accarezzare un retriever: “Non è bellissimo?”
Lei: “Sì...beh...”
Tu: “Prego?”
Lei: “Per me, io qui e gli animali al loro posto.”
Ousted.

10. Lifestyle 3. Vela
Passeggiando a Portofino.
Tu: “Che meraviglia quel due alberi, guarda che scafo affusolato, il ponte in teak...”
Lei: “No, scusa, vuoi mettere com’è più comodo quello Yacht a motore,” indicando un palazzo di 4 piani galleggiante, “Avrà anche la Jacuzzi.”
Splash

giovedì, luglio 05, 2007

Due amanti felici

Due amanti felici fanno un solo pane,

una sola goccia di luna nell'erba,

lascian camminando due ombre che s'unisco,

lasciano un solo sole vuoto in un letto.

Di tutte le verità scelsero il giorno:

non s'uccisero con fili, ma con un aroma

e non spezzarono la pace né le parole.

E' la felicità una torre trasparente.

L'aria, il vino vanno coi due amanti,

gli regala la notte i suoi petali felici,

hanno diritto a tutti i garofani.

Due amanti felici non hanno fine né morte,

nascono e muoiono più volte vivendo,

hanno l'eternità della natura.

(Pablo Neruda)

mercoledì, luglio 04, 2007

viaggiare....................


Go to Beatport.comGet These TracksAdd This Player



Buon ascolto

giovedì, giugno 28, 2007

http://www.mixupload.fr/media-Nu-Jazz-Selection-1


Nu Jazz Selection 1 By J_u_l - Jazzy Beats

Hello !

Voici un hors série..

Un peu marre du speed, du gros Kick ?

Et bien voici Nu Jazz Selection 1..

Ne cherchez pas les cabrioles de mixage, il n'y en a pas ! C'est simplement une sélection de tracks sympa au petit déjeuner sur la terrasse
au soleil ou pour un dimanche pluvieux..

Histoire de changer un peu. Merci pour vos votes et vos commentaires !!

See Y'a !

J_u_l



Nu Jazz Selection 1 :

1_The Gershwin Projekt_Summertime
2_Dj Cam feat. Tassel & Naturel_Cantaloop Island
3_The Mighty Bop_Feeling Good
4_Dani Siciliano_Come as You are
5_Tosca_Heidi Bruehl
6_Jumbonics_Jezebel
7_Earl Zinger_Who Killed Saturday Night ?
8_Dominique Dalcan_The Look Of Love
9_The Porter Projekt_I've Got You Under My Skin
10_Patchwork_Summertime (une autre version bien sympa aussi)
11_Nicolas Conte_Fucuo Fatuo
12_Marco Di Marco & Nathan Haines_Take Off
13_Trüby Trio Feat. Joseph Malik_High Jazz
14_Herbie Hancock Feat Shaka Khan_The Essence
15_Gotan Project Meet Chet Baker_Round About Midnight

Bonne écoute !
http://www.mixupload.fr/media-Nu-Jazz-Selection-1

Vote for this Media here !
http://www.blogger.com/post-edit.g?blogID=16093988&postID=3893100958870908021

domenica, giugno 24, 2007

Minestrone freddo alla milanese

Estate, fa caldo.
Cosa mangiare?
La solita insalata di riso?
Un insalata di pasta?
Prosciutto e melone, caprese?
Cose ne dite di un bel minestrone?
Caldo, mi dite voi.
Assolutamente no, un bel minestrone freddo alla milanese.

Eccovi gli ingredienti:
Minestrone:
1 cipolla media, 2 patate medie, 3 carote, un cuore di sedano, 1 porro, 3 zucchine, 100 g di fagioli, 1 manciata di erbette, un ciuffo di prezzemolo, 4 cucchiai di olio di oliva, 2 litri di acqua

Lavate e mondate tutte le verdure.
tritate la cipolla e tagliate a fettine sottili il porro.
Tagliate le verdure a dadini.
Preparate il soffritto facendo scaldare bene la pentola, aggiungete l'olio e la cipolla tritata e il porro tagliato a rondelle, e cuocete a fuoco dolce per una decina di minuti.
Aggiungete i dadini di sedano, carota, zucchine, patate e continuate la cottura per altri 7/8 minuti.
Versate l'acqua (o il brodo vegetale) nella pentola ed unite tutte le altre verdure.
Salare secondo il vostro gusto, poco comunque.
Cuocete coperto e a fuoco basso per circa 40 minuti.
In modo da lasciare la verdura intera ed ottenere un brodo limpido.
A cottura ultimata aggiustiamo di sale e facciamo raffreddare, un abbattitore è ideale in questo caso, ma possiamo mettere la pentola nel lavandino pieno d'acqua fredda e ghiaccio e successivamente in frigo.
Prepariamo un battuto di basilico e mentuccia fresca, aggiungiamo olio extra vergine, pomodorini dell'orto freschi tagliati in quattro e privati dei semi. Se vi va anche degli spicchi d'aglio per dare profumo.
A parte facciamo cuocere delle pasta da brodo, tipo pipette in abbondante acqua salata.
Serviamo il piatto in ciotole o scodelle mescolando il minestrone con la pasta, nel centro del piatto un cucchiaio di battuto.
Buon appetito.

E' sicuramente una ricetta sfiziosa, la potete preparare con anticipo e servirla o mangiarla con comodo. Se non mescolate gli ingredienti si conserva per qualche giorno, se la mettete in buste sottovuoto anche qualcosa di più.

Potete servirlo come antipasto leggero prima di una grigliata, magari senza pasta, mangiarlo come piatto unico, o piatto principale di una cena fredda tra amici.

Buon appetito.

lunedì, giugno 18, 2007

ti amo

Ti amo, perché non te l'ho detto mai,
ti amo perché sei nella mia vita e non lo sai.
ti amo perché c'era il sole sopra le nuvole.
ti amo perché mi sono innamorato di te.
perché sto bene con te
perché ho bisogno della tua presenza
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te...
io sì,
che avrò cura di te.
ti amo

domenica, giugno 17, 2007

Vince solo chi è convinto di poterlo fare. Virgilio

Tanto gentile e tanto onesta pare

Tanto gentile e tanto onesta pare
la donna mia quand’ella altrui saluta,
ch’ogne lingua deven tremando muta,
e li occhi no l’ardiscon di guardare.

Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d’umiltà vestuta;
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.

Mostrasi sì piacente a chi la mira,
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che ‘ntender no la può chi no la prova;

e par che de la sua labbia si mova
un spirito soave pien d’amore,
che va dicendo a l’anima: Sospira.
(Dante Alighieri)

Lettera

Francesco Guccini
D'Amore Di Morte E Di Altre Sciocchezze (1996)
Lettera

In giardino il ciliegio è fiorito agli scoppi del nuovo sole,
il quartiere si è presto riempito di neve di pioppi e di parole.
All' una in punto si sente il suono acciottolante che fanno i piatti,
le TV son un rombo di tuono per l' indifferenza scostante dei gatti;
come vedi tutto è normale in questa inutile sarabanda,
ma nell' intreccio di vita uguale soffia il libeccio di una domanda,
punge il rovaio d' un dubbio eterno, un formicaio di cose andate,
di chi aspetta sempre l' inverno per desiderare una nuova estate...

Son tornate a sbocciare le strade, ideali ricami del mondo,
ci girano tronfie la figlia e la madre nel viso uguali e nel culo tondo,
in testa identiche, senza storia, sfidando tutto, senza confini,
frantumano un attimo quella boria grida di rondini e ragazzini;
come vedi tutto è consueto in questo ingorgo di vita e morte,
ma mi rattristo, io sono lieto di questa pista di voglia e sorte,
di questa rete troppo smagliata, di queste mete lì da sognare,
di questa sete mai appagata, di chi starnazza e non vuol volare...

Appassiscono piano le rose, spuntano a grappi i frutti del melo,
le nuvole in alto van silenziose negli strappi cobalto del cielo.
Io sdraiato sull' erba verde fantastico piano sul mio passato,
ma l' età all' improvviso disperde quel che credevo e non sono stato;
come senti tutto va liscio in questo mondo senza patemi,
in questa vista presa di striscio, di svolgimento corretto ai temi,
dei miei entusiasmi durati poco, dei tanti chiasmi filosofanti,
di storie tragiche nate per gioco, troppo vicine o troppo distanti...

Ma il tempo, il tempo chi me lo rende? Chi mi dà indietro quelle stagioni
di vetro e sabbia, chi mi riprende la rabbia e il gesto, donne e canzoni,
gli amici persi, i libri mangiati, la gioia piana degli appetiti,
l' arsura sana degli assetati, la fede cieca in poveri miti?
Come vedi tutto è usuale, solo che il tempo stringe la borsa
e c'è il sospetto che sia triviale l' affanno e l' ansimo dopo una corsa,
l' ansia volgare del giorno dopo, la fine triste della partita,
il lento scorrere senza uno scopo di questa cosa... che chiami... vita...

Dedicata a................

mercoledì, giugno 06, 2007

6 giugno 2007

E' un sacco di tempo che non scrivo. ovvero, non metto nulla di mio. Ho fatto un sacco di copia ed incolla, ho copiato dei brani da libri che ho letto. Insomma, ho cercato di lasciare tracce dei miei pensieri, in un modo o nell'altro.
l'ultimo mio post è di marzo ed ero in un castello, oggi sono in un altro sempre in zona, sempre su un bricco (cima di una collina. La cucina è piemontese molto tradizionale, molta carne, cotture lunghe, materie prime di ottima qualità. Ve lo consiglio, se vi piace il genere.

viaggio nella notte

House Kids Session Radio Show 005 On Just4listen.com Par Peter Phara - Deep House

1 - 0:00 - So Good Today - Ben Westbeech -
2 - 3:51 - Jus Dope - Roots -
3 - 11:00 - Touched The Sky - Dennis Ferrer -
4 - 17:06 - Sunny - Jose Feliciano -
5 - 224:06 - It Ain't Love - Solu Music Feat Kai Martin -
6 - 31:40 - My Faith - Kemal Feat Maiya -
7 - 35:52 - Your Beat Sounds Like - Ron Gelfer Feat Tiger L0ily -
8 - 41:40 - Dentro Mi Alma - Jazztronik -
9 - 51:05 - Rasmus Faber Pres Apollo Vs Melo - Divided United -
10 - 53:05 - Music - Autosoul -

http://www.mixupload.fr/media-HouseKidsSessionRadioShow005OnJust4listencom



Piove, mi è sempre piaciuto guidare sotto la pioggia, di notte, in autostrada, l'auto comoda, veloce e sufficientemente potente, ho macinato chilometri, per lavoro e per divertimento. Il mio animo zingaro mi ha sempre spinto lontano, non quanto avrei voluto, ma lontano. Anche oggi che faccio un lavoro stanziale, il cuoco, non nego la mia voglia di viaggiare. Chilometri mi aspettano, posti nuovi, persone nuove. Ho conosciuto le persone più inimmaginabili, dal senzatetto che dormiva alla stazione e viveva di espedienti, al milionario (in euro) che usava il jet privato per andare a cena a Parigi, il sabato sera. Ho conosciuto persone tristi, sole, infide, infelici, ho conosciuto persone meravigliose, coraggiose, sole eppure forti. Ho passato notti a guidare, discutendo di cucina, filosofia, litigando, amando, nel mio viaggio attraverso la vita. La musica aleggia, mi segue, è la colonna sonora del mio viaggio.
Sono nato lo stesso giorno di Lucio Battisti. Vorrà dire qualcosa. Sonny i love you....
sono arrivato.
buonanotte e buon'ascolto

sabato, giugno 02, 2007

meraviglioso



As we grow up, we learn that even the one person that wasn't supposed to ever let you down probably will. You will have your heart broken probably more than once and it's harder every time. You'll break hearts too, so remember how it felt when yours was broken. You'll fight with your best friend. You'll blame a new love for things an old one did. You'll cry because time is passing too fast, and you'll eventually lose someone you love. So take too many pictures, laugh too much, and love like you've never been hurt because every sixty seconds you spend upset is a minute of happiness you'll never get back.

Don't be afraid that your life will end,
be afraid that it will never begin.

giovedì, maggio 17, 2007

Ratatouille il trailer e altro.............






Non nego che sono ansioso di vederlo!!!!

Quattro quarti meno qualcosa al cioccolato.

Ecco una ricetta semplice, semplice, ma di grande effetto. Molto golosa, che piace a tutti, a patto che siate appassionati di cioccolato.
Ingredienti
Uova fresche,
zucchero,
cioccolato (di ottima qualità)
Burro.

Pesate le uova con il guscio, e pesate la medesima quantità degli altri ingredienti. Se lo volete meno dolce e stucchevole, usate un 10 % di zucchero in meno e un cioccolato più amaro (almeno un 70%), se vi va anche un goccio di rhum.
Sciogliete a bagnomaria il cioccolato (il microonde va anche bene, e fate più in fretta) usate il medesimo procedimento per il burro.
Montate a neve i tuorli prima e gli albumi, a parte (of course) poi.
Mescolate il tutto, cioccolato con il burro, l’eventuale rhum, successivamente i tuorli montati e a finire gli albumi.
Versate il tutto in una teglia ricoperta da una carta da forno bagnata e strizzata bene. La torta non deve essere molto spessa, cuocete il tutto a 200° C per circa mezz’ora. Lasciate raffreddare.
La torta è ottima così, ma potete servirla con una salsa ai frutti di bosco, ai mirtilli, alla menta, io l’ho assaggiata con una gelatina allo stiger (cocktail a base di cognac e liquore alla menta).

Provatela, poi mi direte :-)

mercoledì, maggio 02, 2007

L'invito

Non mi interessa cosa fai per vivere.
Voglio sapere cosa desideri davvero, e se sogni di realizzare ciò che il tuo cuore brama.
Non mi interessa quanti anni hai.
Voglio sapere se avrai il coraggio di essere giudicato folle per amore, per il tuo sogno, per l’avventura di essere vivo.
Non mi interessa quali pianeti siano in quadratura con la tua Luna.
Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dolore, se le delusioni della tua vita hanno ampliato i tuoi orizzonti o se ti sei ripiegato su te stesso per paura di soffrire ancora.
Voglio sapere se sopporti il dolore, mio o tuo, senza cercare di nasconderlo, attenuarlo, eliminarlo.
Voglio sapere se sopporti la gioia, mia o tua, se puoi danzare selvaggiamente e lasciare che l’estasi pervada ogni tua cellula senza raccomandarti di essere prudente, realistico e di ricordare i limiti della condizione umana.
Non mi interessa se la storia che mi stai raccontando è vera.
Voglio sapere se riesci a deludere qualcuno per mantenerti fedele a te stesso; se sai sopportare l’accusa di tradimento e non tradire la tua anima, se sai essere senza fede e perciò degno di fede.
Voglio sapere se sai vedere la bellezza, anche quando non è piacevole, ogni giorno, e se riesci a trovare la sorgente della tua vita dalla sua presenza.
Voglio sapere se sai accettare i fallimenti, tuoi e miei, e restare ancora sulla riva di un lago e urlare “Si!” all’argento della luna piena.
Non mi interessa sapere dove vivi, o quanti soldi hai.
Voglio sapere se sai alzarti, dopo la notte di travaglio e disperazione, stanco e ammaccato fino all’osso, e di fare il tuo dovere per sfamare i tuoi figli.
Non mi interessa sapere chi conosci o come sei giunto fino a qui.
Voglio sapere se resterai nel centro del mirino insieme a me senza tirarti indietro.
Non mi interessa dove o che cosa o con chi hai studiato.
Voglio sapere che cosa ti sorregge quando tutto il resto crolla.
Voglio sapere se sai stare solo con te stesso e se davvero ti piace la compagnia che ti fai nel momento di vuoto.

Oriah Mountain Dreamer
Vecchio Indiano

eccovi anche la versione in inglese:

The Invitation, The Call, and The Dance
are available in paperback April 25th , 2006

The Invitation

It doesn’t interest me what you do for a living.
I want to know what you ache for
and if you dare to dream of meeting your heart’s longing.

It doesn’t interest me how old you are.
I want to know if you will risk looking like a fool
for love
for your dream
for the adventure of being alive.

It doesn’t interest me what planets are squaring your moon...
I want to know if you have touched the centre of your own sorrow
if you have been opened by life’s betrayals
or have become shrivelled and closed
from fear of further pain.

I want to know if you can sit with pain
mine or your own
without moving to hide it
or fade it
or fix it.

I want to know if you can be with joy
mine or your own
if you can dance with wildness
and let the ecstasy fill you to the tips of your fingers and toes
without cautioning us
to be careful
to be realistic
to remember the limitations of being human.

It doesn’t interest me if the story you are telling me
is true.
I want to know if you can
disappoint another
to be true to yourself.
If you can bear the accusation of betrayal
and not betray your own soul.
If you can be faithless
and therefore trustworthy.

I want to know if you can see Beauty
even when it is not pretty
every day.
And if you can source your own life
from its presence.

I want to know if you can live with failure
yours and mine
and still stand at the edge of the lake
and shout to the silver of the full moon,
“Yes.”

It doesn’t interest me
to know where you live or how much money you have.
I want to know if you can get up
after the night of grief and despair
weary and bruised to the bone
and do what needs to be done
to feed the children.

It doesn’t interest me who you know
or how you came to be here.
I want to know if you will stand
in the centre of the fire
with me
and not shrink back.

It doesn’t interest me where or what or with whom
you have studied.
I want to know what sustains you
from the inside
when all else falls away.

I want to know if you can be alone
with yourself
and if you truly like the company you keep
in the empty moments.



© Mountaindreaming, from the book The Invitation published by HarperSanFrancisco, 1999 All rights reserved